Ortopedia 33: Le insidie del polso (Dicembre 22)

Leggi gli articoli a cura del Comitato Polso SIAGASCOT
Patologie dell’anca (http://www.doctor33.it/ortopedia/ct-77044.html)
A cura del Comitato Polso


Il polso frequentemente è affetto da un dolore di difficile interpretazione, a volte perché spontaneo in assenza di traumi e non ben individuabile anatomicamente, come nel caso del morbo di kienbock, il paziente riferisce un generico dolore dorsale, e una progressiva riduzione dell’arco di movimento ma non ricorda una causa scatenante, cosi come accade per le hourglass syndrome, la comparsa improvvisa di dolore e impotenza funzionale neurologica disorienta paziente e medico, la diagnosi differenziale è con la sindrome di Paronage-Turner, ma l’eziopatogenesi e il trattamento sono diversi e importante è la diagnosi tempestiva.
Altrettanta tempestività è auspicabile nel caso in cui le fratture del polso sono complicate dalla CRPS, questa volta il trauma è evidente ma la risposta in termini di dolore e impotenza funzionale è decisamente esagerata, il dolore ancora una volta non ha una distribuzione chiara ma si presenta continuo, diffuso e ingravescente, inizialmente quando la sindrome non è ancora clinicamente evidente è difficile da diagnosticare, ma la tumefazione e il forte dolore e la riferita rigidità articolare sono importanti campanelli di allarme.
Le frattura del radio distale sono insidiose non solo per la temuta CRPS che in una percentuale variabile dal 33 al 66% le complica ma anche per la gestione del piano articolare a volte gravemente comminuto a causa del trauma, e per le lesioni legamentose associate che se non riconosciute e trattate in acuto possono portare a complicanze gravi quali la lussazione del carpo o la dissociazione scafolunata.
L’artroscopia in alcuni casi è uno strumento di grande aiuto, sia nel caso della necrosi del semilunare in cui consente di valutare lo stato di salute della cartilagine articolare di radiocarpica e medio carpica, sia in caso di traumi del polso, dove consente di individuare danni del piano articolare e lesioni associate legamentose, prevenendo così le complicanze a medio/lungo termine. In tutti i casi di dolori dubbi e limitazioni funzionali però, la chiave per l’interpretazione e quindi la risoluzione del problema è l’ascolto attento del paziente quando riferisce il proprio disagio e la decisione condivisa sul tipo di percorso terapeutico una volta fatta la diagnosi.

A cura del Dottor Ferdinando Da Rin

Direttore responsabile: Giorgio Albonetti / Direttore editoriale: Ludovico Baldessin / Direttore scientifico: Massimo Berruto / Coordinamento editoriale: Marco Malagutti / Direzione commerciale dircom@lswr.it
©EDRA S.p.a. / sede legale: Via Spadolini 7, 20141 Milano (Italia)
Privacy Preferences
When you visit our website, it may store information through your browser from specific services, usually in form of cookies. Here you can change your privacy preferences. Please note that blocking some types of cookies may impact your experience on our website and the services we offer.
X